Privacy Policy Agenda di Milano - Dialetto

Il Dialetto Milanese


I proverbi milanesei dei nostri Nonni con la loro genialità

DANE’ E MESSIZIA ROMPEN EL CO'LL A LA GIUSTIZIA
Soldi e amicizia vincono la giustizia 

A ROBA' POCCH SE VA IN GALERA, A ROBA' TANT SE VA IN CAROZZA
Chi ruba poco va in galera, chi ruba tanto va in carrozza

NE' A TORT NE' PER RESON NO TE LASSA METT A PRESON
Né a torto né a ragione non lasciarti mettere in prigione

I FALS AMIS HIN COME I MOSCH, CHE DA LA SIRA A LA MATINNA, FIN GH'E' DA MANGIA', STANN IN CUSINNA
I falsi amici sono come le mosche, che dalla sera alla mattina, fino a che c'è da mangiare, stanno in cucina

SE TE VEDI DE RAR, ME REGORDI DESPESS, SE TE VEDI DESPESS, ME REGORDI DE RAR
se ti vedo raramente, mi ricordo spesso, se ti vedo spesso, ti ricordo raramente

GUARDELL BEN, GUARDELL TUTT, L'OMM SENZA DANEE COME L'E' BRUTT
Guardatelo bene, guardatelo tutto, l'uomo senza denaro come è brutto

IN CA' DEL POVER OMM GH'E' STO MAGON: TUGG SE LAMENTEN E TUGG HAN RESON
In casa del povero c'è questo dispiacere: tutti si lamentano e tutti hanno ragione 

NO GH'E' SABET SENZA SOL, NO GH'E' DONNA SENZA AMOR, NO GH'E' PRAA SENZ'ERBA E NO GH'E' CAMISA SENZA MERDA
Non c'è sabato senza sole, non c'è donna senza amore non c'è prato senz'erba e non c'è camicia senza merda (nei secoli scorsi la camicia era lunga al ginocchio)

PERCHE' I GHE DIS PADRON? PERCHE' EL GHA SEMPER TORT E EL VOEUR RESON
Perchè lo chiamano padrone? Perchè ha sempre torto e vuole aver ragione

CHI L'E' MINGA BON PER EL RE, L'E' MINGA BON PER LA REGINA
Chi non va bene per il Re, non va bene per la regina

QUAND LA MERDA LA MONTA IN SCAGN ... O CHE LA SPUZZA O CHE LA FA DAGN
Quando la merda sale in cattedra... o puzza o fa danni 

L'E' MINGA MERDA, MA L'HA CAGADA EL CAN
Non è merda, ma l'ha fatta il cane 

CHI VOLTA EL CUU A MILAN L VOLTA AL PAN
Chi volta le spalle a Milano le volta al pane

OFFELLEE, FA EL TO' MESTEE
Pasticciere fai il tuo mestiere

EL BON MERCAA EL MANDA L'OMM A L'OSPEDAA
Le cose a buon mercato mandano l'uomo all'ospedale

NE' A L'OSTARIA NE' IN LECC NO SE VEN MAI VECC
All'osteria e a letto non si diventa mai vecchio

EL PRIM ANN A BRAZZ A BRAZZ, EL SEGOND PATTEJ E FASS, EL TERZ ANN CUU A CUU, EL QUART ANN QANT'E' MAI T'HOO COGNOSSUU
Il primo anno a braccetto, il secondo fasce e pannolini, il terzo anno schiena a schiena, il quarto anno quando mai ti ho conosciuto

PAN, VIN E GNOCCA, E S'EL VOUER FIOCCA', CH'EL FIOCCA
Pane, vino e Donne, e se vuole nevicare, nevichi pura

EL DIS ARISTOEL:SE TE POEU' AVE'DEL BEN, TOTTEL; E RISPOND PLATON CHE SE NO TEL FEE TE SEE ON GRAN MINCION
Dice Aristotele: se puoi godertela, fallo; gli risponde Platone che se non lo fai sei un gran minchione

VOEUJA DE LAVORA' SALTEM ADOSS, LAVORA TI PATRON CHE MI NO POSS
Voglia di lavorare saltami addosso, lavora tu padrone che io non posso

FA' E DISFA' L'E' TUTT LAVORA'
Fare e disfare è sempre lavorare

CHI MANGIA DE BENEDETT CAGA DE MALEDET
Chi mangia da raffinato, la fa da disperato

CHI NO MANTEN I GATT, MANTEN I RATT; CHI NO MANTEN I CAN, MANTEN I LADER
Chi non mantiene i gatti, mantiene i topi; chi non mantiene i cani, mantiene i ladri 

LA DONNA, PER PICININNA CHE LA SIA, EL DIAVOL LA SORPASSA IN FURBERIA
La donna per piccina che sia, supera il diavolo in furbizia

MANGIA, BEV E TAS E VIV IN SANTA PAS
Mangia, bevi e taci, e vivi in santa pace

I PAROLL HIN COME I SCIRES, CHE ADREE A VUNNA GH'EN VEN DES
Le parole sono come le ciliegie, dietro la prima ne vengono dieci 

EL VIN E DONN TRAN A L’ARI EL COO
Il vino e le donne fanno ammattire

EL VIN EL FA DI QUELL CHE SE DOVARISS MINGA DI
Il vino fa dire quello che non bisognerebbe dire

QUELL CHE FA CIAPPA’ LA CIOCCA L’E’ SEMPER L’ULTIM BICCER
Quello che ti ubriaca è sempre l’ultimo bicchiere 

SE A SANT’ANDREJA NOL VEGNARA’, A SANT’AMBROEUS NOL FALLARA ’
Se a Sant’Andrea non è ancora arrivato il freddo, a Sant’Ambrogio arriverà di sicuro

QUAND EL GATT EL SE LECCA SO’RA I ORECC, EL PIOEUV DE CERT
Quando il gatto si lecca sopra le orecchie, pioverà di certo

LA FIOCCA DESEMBRINNA PER TRII MES LA CONFINA
La neve di dicembre resta per tre mesi

LA SPERANZA L’E’ ‘L PAN DI POVERITT
La speranza è il pane dei poveri 

CHI VIV SPERAND, MOEUR CAGAND
Chi vive sperando muore ca..... 

A PARLA’ POCCH SE FALLA MAI
A parlare poco non si sbaglia mai 

NON DE RAR CONT J DONN A FA’ EL GALL, A L’E’ ON RISC CHE BESOGNA PAGALL
Non di raro se con le donne fai il gallo, c’è il rischio che bisogna pagare

DONNA CHE PIANG, CAVALL CHE SUDA, HINN SPESS IMPOSTOR COME GIUDA
La donna che piange, il cavallo che suda, sono spesso impostori come Giuda

I DOTTOR, SPEZIEE E BECCHIN, HINN NEMIS DE MENEGHIN
I dottori, i farmacisti e i becchini, sono nemici dei Meneghini 

LA SUOCERA GH’HA POCCH DE CATTA’ FOEURA, GHE L’HA SU’ COL GENER O CONT LA NOEURA
La suocera ha poco da scegliere, o ce l’ha con il genero o con la nuora

D’INVERNA SE STA TUCC TACCAA AL CAMIN A CUNTA’ BALL PER GRAND E PISCININ
D’inverno si sta tutti intorno al camino a raccontare frottole per grandi e piccini 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mandaci un email per maggiori info

 

 

Contatti| Altre Agende | Dialetto