Agenda di Milano
 
 
 
Loading
 
 
IN AGENDADIMILANO.COM

  Agenda di Milano Agenda di Milano Agenda di Milano  
         

Gli Auguri delle Istituzioni Le Aziende Partecipate Contattaci L'ora in Bergamo:

AGENDA DI MILANO® Regione Lombardia AGENDA DI MILANO®

Bergamo

 

Capoluogo di Provincia

Bergamo- Agenda di milano
Abitanti  121.316 
Altitudine S.l.m. 249 metri
Superficie 39,60 KM2
Codice Postale 24121-24129
Patrono Sant'Alessandro 26 Agosto

 

 

 

 

  Stemma Comune di Bergamo  

 

Lettera Augurale del Sindaco di Bergamo per Agenda di Milano

Guardiamo al 2014 con ottimismo

Benché abbiamo subito un ulteriore taglio dei contributi dello Stato di ben 6 milioni di euro (che sommati a quelli negli anni precedenti portano all’enorme totale di ben 20 milioni), è stato possibile confermare tutti i servizi a favore della cittadinanza, anzi di aumentarli un poco. Particolarmente importante è stato consolidare i servizi sociali perché Bergamo è una città con molte ricchezze, ma anche con crescenti fasce di povertà. Sono stati inoltre confermati tutti gli impegni per la cultura, per i giovani, per il tempo libero, per le scuole. Ciò senza alcun aumento di imposte, di tasse e di tariffe: nessuna maggiorazione Imu (confermando l’aliquota base per la prima casa e le agevolazioni per i negozi di vicinato); nessuna modifica nell’addizionale Irpef; rinuncia al possibile aumento dell’addizionale Tares; conferma di tutte le tariffe, quali asili nido, impianti sportivi e servizi sociali.


In sintesi un piccolo miracolo che è stato possibile ottenere riducendo il costo del personale (in 4 anni 100 dipendenti in meno, 3 dirigenti e 2 assessori in meno); restituendo una parte significativa di mutui, adottando tutte le forme di risparmio consentite da un’accurata politica di revisione di spesa, a partire dalla riduzione del 10% dei rimborsi spese a Sindaco, Assessori e Consiglieri.


            Ben diversa è la situazione degli “investimenti”. Ciò a causa di un devastante “Patto di stabilità” impostoci da Roma. Questa norma vuol dire in sintesi che per pagare qualsiasi investimento, comprese le manutenzioni straordinarie di strade, scuole, verde, immobili comunali, bisogna vendere altrettanti beni mobili o immobili posseduti dal Comune, ovviamente non destinati a funzioni istituzionali. Ma purtroppo gli immobili vendibili stanno per finire e le azioni possedute in A2A sono quotate molto meno di quando le abbiamo avute. Per di più il “Patto di stabilità” ha sequestrato a Roma circa 100 milioni di euro, che pur essendo nostri non possiamo spendere. Il Governo vuole con i nostri soldi salvare la situazione finanziaria pubblica e rendersi presentabile in Europa.


            Ma questo blocca tante opere pubbliche, impedisce le manutenzioni straordinarie, fa correre il rischio alla Città di essere meno bella e meno moderna.


            Nonostante i vincoli del “Patto di stabilità” oggi sono aperti tre importanti cantieri. Quello del piazzale della Stazione e della Stazione Autolinee, con la creazione di nuovi parcheggi per 300 posti destinati a pendolari, residenti, commercianti e loro clienti, per un costo di 4,4 milioni di euro in parte finanziati dalla Regione; a ciò si abbina la ristrutturazione da parte delle Ferrovie dell’intera stazione di Bergamo (sarà un bellissimo biglietto da visita per la nostra Città). Il secondo importante cantiere è la ristrutturazione della Biblioteca Angelo Mai per un costo di 2 milioni di euro, per cui sarà importante il contributo dei privati. Infine, è in avanzatissimo progresso la ristrutturazione dell’Accademia Carrara (costo di 11 milioni di euro con il contributo della Fondazione Credito Bergamasco), che riaprirà nei prossimi mesi con tutto il suo valore culturale.


            Lo scorso anno è stato aperto il Museo del ‘500 in piazza Vecchia (che ora è abbinato al vicino Museo Diocesano) ed è stata acquisita gratuitamente la proprietà di Sant’Agata dal demanio, per cui verrà presto indetto un bando per l’utilizzo quale albergo e luogo di ospitalità e di cultura. Attendiamo la presentazione del progetto della nuova Gamec, che verrà realizzato interamente a carico della Fondazione Ubi Banca. Frattanto A2A sta continuando l’ampliamento della rete di teleriscaldamento e Telecom è pronta all’installazione della banda larga.


            È stato lanciato, infine, il grande progetto di ristrutturazione del Teatro Donizetti, che attualmente è obsoleto e non a norma, per cui chiediamo la condivisione del grosso impegno economico (stimato in 18 milioni di euro) a tutte le istituzioni pubbliche e private e soprattutto ai cittadini. Il Comune farà la sua parte.
Da sottolineare la qualificata e frequentata attività dei teatri Donizetti, Sociale e Palacreberg, e la vivacizzazione del centro e dei quartieri, con manifestazioni di cultura, di sport, di festa e di partecipazione.


            Viene davvero tanta rabbia a pensare quante cose potrebbero essere fatte se non ci avessero “sequestrato i nostri soldi”. L’Amministrazione ha progetti ben precisi che sarà in grado di realizzare se ci sarà almeno un’attenuazione del “Patto di stabilità”.


Sono felice di farvi i miei auguri, con semplicità e amicizia, non dimenticando le grandi sfide che ci attendono nel 2014, come il riconoscimento a sito Unesco

Auspico per tutti Voi un Natale e un nuovo anno sereni, circondati dalle persone care, con la salute e un lavoro ricco di soddisfazioni

Il Sindaco di Bergamo

Franco Tentorio


 

 

 

 

    Time is

GT Communication

 

intopic.it